Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1580 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => contained-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => 1000 [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #009ccc [link_color_hover] => #1a1a1a [link_color_visited] => #edbd00 [font_awesome_essentials] => [icons] => font [combine_css] => [dynamic_css_cache] => [font_body] => Open Sans [nav_is_fixed] => 1 )

Backup: cancellare la propria impresa

Negli scorsi giorni è comparso un thread in un noto forum di hosting provider: un utente chiedeva aiuto, perché dopo aver eseguito un comando sulle routine di backup, avrebbe cancellato tutto quel che si trovava su tutti i server dell’azienda – backup compresi.

Inutili i commenti degli altri iscritti al forum, che per lo più consigliavano al malcapitato di rivolgersi a degli specialisti del recupero dati, per quanto l’operazione avrebbe assunto costi e tempi fuori dalle logiche aziendali: tutti i siti web e le app dei clienti, hostate sui server dell’azienda, sono perciò andati persi.

Ma come è stato possibile?

Il comando lanciato è stato:

rm -rf (dir)/(subdir)

rm ovviamente sta per remove, -r elimina tutti i file contenuti nella directori specificata, i maniera ricorsiva, mentre f “forza” il comando ad ignorare tutti i messaggi di avviso.

Aggiungiamo che i server di backup erano montati sulla stessa macchina dalla quale è stato lanciato il comando, ed ecco: il danno è stato creato. Un’azienda distrutta, e più di mille danneggiate, visto che molti utenti si sono trovati da un giorno all’altro a piedi.

I server di backup erano montati sulla stessa macchina
dalla quale è stato lanciato il comando

Sicuramente, il consiglio più utile che è stato dato a M.M, proprietario dell’azienda, è stato “You don’t need technical advice, you need to call your lawyer.”

Riportiamo questa notizia non tanto per bullarci o ironizzare su quanto accaduto, visto che per i molti coinvolti si è trattata di una vera e propria tragedia, quanto più per sottolineare l’importanza di un elemento spesso trascurato: la realizzazione di backup e, soprattutto, la loro relazione con la struttura server principale.

La situazione si è infatti venuta a creare per una serie di mancati controlli, automatismi e non ultima un’organizzazione errata della gerarchia dei server, con i backup che sarebbero dovuti stare da un’altra parte – non solo fisicamente, ma anche logicamente – rendendo così impossibile la loro cancellazione dalla stessa macchina.

[actionbutton text=”Vuoi avere il tuo sito web aziendale sempre online?” label=”Smettila di preoccuparti! Clicca qui!” url=”https://sito.express/site/web-plans/” target=”_self”]

L’articolo originale è reperibile a .

Lascia un commento