Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1580 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => contained-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => 1000 [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #009ccc [link_color_hover] => #1a1a1a [link_color_visited] => #edbd00 [font_awesome_essentials] => [icons] => font [combine_css] => [dynamic_css_cache] => [font_body] => Roboto [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 300 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 700 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 700 )

Techcrunch.com

Neanche a farlo apposta, ieri si stava leggendo in due un articolo su Tech Crunch. Dopo un po’ ci rendiamo conto di qualcosa di strano: la barra di WordPress! “Ma che stai a dì!” “Ammazza pure TechCrunch!” Sono stati i commenti a caldo: eh si, pure Tech Crunch è fatto con WordPress.

Subito abbiamo pensato di aggiungere questa perla al nostro archivio di siti web fatti con WordPress, quelli notabili, nel bene e nel male, come si dice ai matrimoni: WordPress è sempre fedele. Ed è per questo che usiamo WordPress nella maggior parte dei casi, perché a gestirlo si impara facile, basta che veniamo in sede nella vostra azienda per un paio di volte, e già potrete seguire il 50% dei contenuti in autonomia.

Ma torniamo a TechCrunch: ad alcuni non dirà niente. Sappiate che, nel mondo della tecnologia, è uno di quei siti web che se la sona e se la canta, volendo fare un paragone con le testate standard, è alla pari di Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa e via dicendo. Niente male, per dire, visto che sicuramente farà più visite di tutti questi tre siti messi insieme – lavora su scala globale: è conosciuto qui a Roma, dove facciamo siti web, così come a Pechino, passando per New York e Bombay.

Per dirne una, il Tech Crunch Distrupt è un evento dove sono nate molte startup americane ed è apparso anche nella serie "Silicon Valley"
Per dirne una, il Tech Crunch Distrupt è un evento dove sono nate molte startup americane ed è apparso anche nella serie “Silicon Valley”

Come va questo TechCrunch? Se la passa bene e se la passa male, allo stesso tempo. Prende D su PageSpeed, F su YSlow, due tool di diagnostica rispettivamente di Google e Yahoo per analizzare sinteticamente le prestazioni dei siti web. Si tratta però di risultati che vanto contestualizzati: molti dei riferimenti a siti web esterni provengono da CDN, Cloud e altre risorse esterne di questo tipo, che quindi in realtà già sono soggette a qualche forma di ottimizzazione, e sulle quali TechCrunch può migliorare ben poco.

Esclusi alcuni indici che fanno scendere di molto questi punteggi, in realtà, se la passa discretamente: in fin dei conti, per una pagina ricca di contenuti come la loro, limitarsi a 1.98MB è un risultato di cui andar fieri!